Ecco come ha successo la pianificazione della successione

Ispirazione del mese

Ecco come ha successo la pianificazione della successione

7 luglio 2021 agvs-upsa.ch – Idee illuminanti e intuizioni appassionanti: i media UPSA presentano esempi delle pratiche migliori dal mondo dei garage. Situato in una posizione idilliaca ai piedi dello Stockhorn, il Garage Müller di Erlenbach BE è sul punto di passare il testimone alla quarta generazione. Nel 2022, l’anno del centenario, Sven Müller (24 anni) prenderà le redini dai suoi genitori Martin Müller e Anna Müller-Peter.

20210624_nachfolge_artikelbild.jpg
Il Garage Müller di Erlenbach BE passerà alla quarta generazione nel 2022. La coppia di proprietari Anna Müller-Peter e Martin Müller ha iniziato anni fa a pianificare la successione. Foto: Garage Müller AG

Il segreto del successo
Affinché un’azienda possa durare 100 anni, Anna Müller-Peter, proprietaria del Garage Müller, sostiene che occorrano molti fattori, tra cui il non aver paura delle sfide, l’entusiasmo, la positività e la coesione. «Il fattore decisivo è che sin dal momento in cui siamo subentrati in azienda, io e mio marito siamo stati partner allo stesso livello.» Da un lato, gli ambiti di responsabilità sono nettamente distinti, ognuno può fidarsi dell’altro. D’altro lato, le decisioni strategiche vengono sempre prese insieme. «Questo è indispensabile per una piccola azienda con sei dipendenti, come la nostra.» Ulteriori fattori di successo sono: formare apprendisti trasmettendo così le conoscenze specialistiche, oltre ad essere a stretto contatto con la clientela. «Nel corso degli anni siamo riusciti a stabilire molti contatti piacevoli e abbiamo coltivato lo scambio personale.» Questo continua tuttora. 

La soluzione per la successione
Che il figlio Sven seguisse le orme del padre è stata una scelta naturale. È nato con la passione per i motori, poiché il Garage Müller è sia sede residenziale che aziendale. Sven ha mostrato un particolare interesse per il parco veicoli sulla porta di casa. «Mi ricordo di quando disse a mio marito: ‹Papà, anch’io un giorno voglio riparare auto, ma solo Ferrari!›», afferma Anna Müller-Peter ridendo di cuore. Oggi, non si tratta di auto da sogno italiane, ma – oltre a Subaru e Fiat – di auto di tutte le marche, che ormai sono parte integrante del concetto di garage «Le Garage». «Non abbiamo mai spinto Sven a fare qualcosa. Ha sempre avuto il desiderio di lavorare un giorno nell’azienda di famiglia.» Il 24enne ha tra l’altro completato esternamente e con lode la sua formazione di meccatronico di automobili. «È ancora molto giovane e ha bisogno di tempo, ma lo avrà», afferma sua madre.
 
«Pianificare la successione è un processo che va ben ponderato e che dura diversi anni», spiega. «È così oggi, come lo è stato anche nel 1992.» Valga come esempio: quando per Anna Müller-Peter è arrivato il momento di seguire le orme della suocera, sono apparsi i primi computer. Allora ha capito che non voleva lavorare alla vecchia maniera, come aveva fatto chi l’aveva preceduta, ma con la tecnologia più moderna. «Ma poiché Margrit Müller-Rohrbach non aveva familiarità con essa e non poteva quindi formarmi, abbiamo dovuto trovare un’altra soluzione», che si è così concretizzata: per circa un anno, la contabilità è stata eseguita esternamente, mentre il Garage Müller introduceva in parallelo il sistema informatico. «Dopo questo periodo di transizione eravamo dotati delle tecnologie più all’avanguardia.» L’azienda ha assunto un ruolo pionieristico nella regione. «Diversi garagisti sono venuti a Erlenbach per vedere come svolgiamo il lavoro d’ufficio.» Oggi, l’azienda a gestione famigliare collabora con Stieger Software. «Grazie ai regolari aggiornamenti del sistema, non solo siamo sempre aggiornati, ma abbiamo anche tutti i nostri dati degli anni passati ben archiviati.»

La prospettiva
La quarta generazione dovrà affrontare sfide diverse da quelle che Martin Müller e Anna Müller-Peter hanno affrontato allora. «L’unica costante nel nostro ramo è il cambiamento», afferma, sottolineando come i tempi non siano facili. «La cosa certa è che le persone non faranno più a meno della loro mobilità.» Come sarà in futuro la mobilità? Non è dato saperlo. «È quindi importante avere una solida formazione.» Mantenendo i suoi dipendenti aggiornati con l’ultima formazione tecnica e di gestione aziendale, si spera che l’azienda possa continuare a far parte di questa mobilità anche in futuro. Ma è anche possibile che arrivi il momento in cui non vale più la pena continuare. «Allora ci aspetta qualcosa di nuovo. Bisogna essere aperti a ciò che porta la vita. Tuttavia, manteniamo un approccio positivo e affrontiamo le sfide.» All’insegna del motto che contraddistingue i Müller dal 1922: non pensare in termini di problemi, ma di soluzioni.

20210624_artikelbild3.jpg
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

7 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti