«Un’officina dev’essere un mondo di esperienze»

Manutenzione aumenta la sicurezza

«Un’officina dev’essere un mondo di esperienze»

2 giugno 2021 agvs-upsa.ch – La Luginbühl Fahrzeug- und Werkstatttechnik AG supporta i garagisti nell’incremento dell’efficienza migliorando i processi nell’officina, ad esempio per utilizzare al meglio gli impianti di sollevamento. Abbiamo intervistato Erhard Luginbühl e il suo cliente Philipp Zumstein, titolare del gruppo Robert Huber con sedi a Muri, Windisch, Villmergen e Brunegg.

luginbuehl_artikelbild.jpg
Erhard Luginbühl (sinistra) e Philipp Zumstein (destra). Foto: media dell'UPSA

mig. Signor Zumstein, di recente ha sostituito diversi impianti di sollevamento nel suo Schlossgarage Brunegg AG. Cosa l’ha spinta a fare questo investimento?
Philipp Zumstein, titolare del gruppo Robert Huber: Quando si acquista un’azienda esistente ci sono sempre investimenti da fare. In considerazione della sicurezza sul lavoro abbiamo sostituito sei dei nove ascensori e ne abbiamo ricostruito due.  
Erhard Luginbühl, titolare della Luginbühl Fahrzeug- und Werkstatttechnik AG: Per quanto riguarda gli impianti di sollevamento, la consapevolezza per i lavori di manutenzione e assistenza è aumentata negli ultimi anni. Ma nelle officine svizzere ci sono molti modelli che hanno 20 anni o più e dovrebbero essere sostituiti. Conviene acquistarne di nuovi perché gli ascensori vengono alzati e abbassati da dieci a dodici volte al giorno. E i modelli più vecchi non sono progettati per questa prestazione. Tuttavia, la questione della sicurezza non inizia solo dall’impianto di sollevamento.
 
A cosa si riferisce?
Erhard Luginbühl (a sinistra): Un’officina deve essere moderna e attrezzata in modo funzionale affinché un meccatronico si senta a suo agio. Molti dimenticano che in un’officina l’atmosfera è un fattore di successo. Inoltre, sono sempre stato dell’opinione che un’officina è anche un mondo di esperienze, un centro di servizi che unisce vendita e officina. Al momento, però, lo spettro va da aziende che assomigliano a un palazzo a spazi di officina scuri con pavimenti unti. Non dico che debba essere sempre tutto nuovo, ma pulito sì. 
Philipp Zumstein: Chi non ha un’officina pulita, non fa nemmeno un lavoro pulito. Dobbiamo soddisfare i requisiti fissati da noi stessi e quelli degli importatori per l’attrezzatura dell’officina. Occorre inoltre tener conto delle esigenze dei clienti. Ad esempio, un servizio comprende la pulizia dell’auto. Per farla ho assunto appositamente del personale. Il cliente apprezza un’auto pulita. Tuttavia, sull’atmosfera ha un’influenza decisiva il proprio superiore, il quale deve fungere da modello in modo che i collaboratori pensino: «Anch’io voglio essere così. Anch’io voglio poterlo fare.» Questo inizia già dall’apprendista, che dovrebbe guardare ai meccatronici.
Erhard Luginbühl: Lo stile di conduzione agile apprezzato dai giovani è molto importante. Il capo dovrebbe creare un clima in cui il collaboratore osi pensare e chiedere se il vecchio impianto non dovrebbe essere sostituito. Se fornisce argomenti plausibili, il nuovo acquisto sarà certamente incluso nel bilancio.
Philipp Zumstein: A tal fine, il nostro sistema di controllo interno torna utile. Siamo certificati ISO 9001 e ISO 14001, il che mi permette di avere dei valori indicativi su quando e cosa sostituire. Oggi, i nuovi impianti sono più economici di una riparazione costosa. 

Signor Luginbühl, si sta esprimendo a favore di una collocazione adeguata dell’ascensore di sollevamento nell’officina. In che misura questo si ripercuote sul rendimento? 
Erhard Luginbühl: Processi macchinosi fanno perdere minuti, che diventano ore e le ore si trasformano in enormi quantità di denaro. Noi lavoriamo con il cronometro e possiamo dire al cliente in quale area dell’officina si trova la posizione ideale per l’impianto di sollevamento, in modo che, ad esempio, l’avvolgitubo e il collegamento alla corrente siano facilmente accessibili. Ci si dovrebbe chiedere: l’impianto di sollevamento è situato nel garage in modo tale che non si perda troppo tempo all’entrata e all’uscita del veicolo? Devo cambiare piano ogni volta che cambio l’olio o rabbocco il liquido dei tergicristalli?

Considerata la crisi dovuta al coronavirus, i garagisti sono pronti a investire in nuovi impianti? 
Philipp Zumstein (a destra): In tempi incerti è meglio investire: questo è il mio motto. Chi crede nel futuro, potrà anche investire. Altrimenti, le spese si accumulano e poi devono essere fatte tutte in una volta. Se più aziende agiscono così, gli artigiani e altri partner avranno problemi di capacità produttiva, nonché difficoltà nelle consegne. 
Erhard Luginbühl: Indipendentemente dalla pandemia, il passaggio all’e-mobility implica una riduzione del numero di pezzi mobili, che a sua volta comporta meno riparazioni. Il risultato finale dal nostro punto di vista? Meno ascensori di sollevamento venduti. Questo sviluppo è compensato dal fatto che la mobilità non è in calo. Nel settore della manutenzione ci basiamo sui nostri punti di forza e non rinunciamo a vendere nuovi ascensori, dispositivi diagnostici o geometrie dello sterzo. Ai nostri costruttori dico: «Producete prodotti di qualità e cercate nuovi modi per mantenere alto l’impegno nel servizio e nelle prestazioni.» Ci siamo posti anche questo obiettivo e offriamo ai nostri clienti, per esempio, piani, costruzioni e disegni tecnici per i loro progetti di costruzione. I piani in CAD vengono trasmessi digitalmente agli architetti.
 
È quanto è stato fatto anche nel progetto di costruzione del gruppo Robert Huber nella sede di Muri AG. Che cosa serve dal suo punto di vista, sulla base dell’esempio di Muri, affinché un progetto riesca? 
Philipp Zumstein: Abbiamo ampliato la nostra sede di Muri perché abbiamo bisogno di più spazio rispetto a prima a causa delle mutate esigenze dei clienti. Dopo il servizio, le auto devono essere predisposte in modo che i clienti possano passare anche al di fuori dell’orario di apertura. Inoltre, i vari modelli di auto nuove e usate richiedono più spazio di vendita.
Erhard Luginbühl: Sia a Muri che a Brunegg, i lavori sono stati eseguiti durante gli orari di servizio. Questo è impegnativo e richiede una buona intesa tra i due partner contrattuali. 
Philipp Zumstein: Sia che si tratti di un progetto di costruzione o di un nuovo acquisto, i processi devono essere mantenuti semplici in modo che non sorgano difficoltà e i collaboratori se ne sentano parte. È importante che mi sia chiaro l’obiettivo che intendo perseguire e se è disponibile il denaro necessario per realizzarlo. Dal mio punto di vista, non occorre coinvolgere troppe persone nelle prime fasi. Se tutti, dall’importatore alle autorità, dalla banca ai collaboratori vengono coinvolti, non si arriva da nessuna parte.
Erhard Luginbühl: Per me è fondamentale che tutti i miei collaboratori abbiano un alto livello di competenza professionale, anche sui prodotti di terzi. Sono loro, infatti, i miei migliori venditori, perché possono trasmettere in modo credibile al cliente, dal punto di vista dell’utente, come mai ci voglia proprio un determinato impianto di sollevamento o perché dovrebbe essere sostituito. Un progetto implementato con successo dipende dai dettagli, che includono anche che i miei collaboratori smaltiscano i rifiuti e riportino l’imballaggio con loro, il che ci rimanda all’importanza di un’officina pulita. 

muri_artikelbild.jpg
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

5 + 6 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti